Ageusia: quando il sapore del cibo non c’è più

Anche se al primo impatto può sembrare un problema di lieve entità, la perdita del gusto, soprattutto se si protrae nel tempo può generare un disinteresse nei confronti del cibo e avere ripercussioni negative anche sull’umore.

A volte l’ageusia è temporanea ma in altri casi può appunto perdurare nel tempo.  I sintomi sono facilmente riconoscibili, ci accorgiamo che non riusciamo più a percepire i sapori del cibo che mangiamo. Ma perché succede e cosa possiamo fare per evitare o rimediare?

 

LE CAUSE

All’origine del problema troviamo svariate cause. Ad esempio, se viene inalata o ingerita una sostanza tossica o irritante si danneggiano le papille gustative e distinguere i sapori non sarà possibile almeno, temporaneamente. Oppure fumando si possono arrecare dei danni, anche permanenti, ai recettori del gusto. Anche l’assunzione di alcuni farmaci può interferire nella percezione dei sapori, così come alcuni trattamenti medici come la radioterapia, talune malattie degenerative del cavo orale o squilibri ormonali in genere e l’avanzare dell’età: le persone più anziane, infatti, a volte non distinguono bene i gusti.

Anche se l’ageusia non è un problema di grave entità, va ricordato che alla lunga, il non riuscire a percepire i sapori può generare un disinteresse nei confronti del cibo e questo può pregiudicare la propria alimentazione e salute. Anche l’umore spesso ne può risentire e il quadro si presenta con un malessere generale della persona.

Dunque intervenire è di fondamentale importanza. Per prima cosa, far luce sulle cause, per poi passare alla ricerca della soluzione.

 

LE SOLUZIONI

I rimedi sono vari e dipendono dalle cause del problema. Se ad esempio la mancanza del gusto è collegata all’assunzione di un farmaco, il medico può tentare una sostituzione con una nuova terapia che non provochi questo problema. Se invece l’ageusia è dovuta alla carenza di saliva, ci sono metodi che possono stimolare la produzione della stessa o prodotti farmaceutici che fungono da sostituiti della saliva stessa.

Purtroppo, se la mancanza della percezione del gusto è dovuta a una lesione ai nervi, il danno spesso non ha rimedio, così anche l’invecchiamento può portare con sé un’ageusia di tipo non reversibile.

Raccomandiamo ai fumatori di abbandonare le sigarette o limitarle il più possibile, così anche gli alcolici, riducendone il consumo. Come sempre, ricordiamo di fare attenzione all’igiene orale e non abbondare con il sale nel tentativo di aggiungere sapore ma piuttosto utilizzare le spezie.

La parola d’ordine è ancora una volta prevenzione e attenzione. Non trascurate la vostra salute!

 

studio-dentistico-Odontoiatrica-Dottori-Val-Santa-lucia-di-piave-conegliano

Newsletter

Odontoiatrica Dottori Val srl  - P.I.: 04683040267 - Num. REA : TV - 370061
Direttore Sanitario Dottor Giorgio Val - iscritto all'Albo dei Medici Chirurghi di TREVISO n. 03759 - iscritto all'Albo degli Odontoiatri di TREVISO n. 00125 | Autorizzazione Sanitaria N. 8273 del 12/12/2014

Quba © 2018. All rights reserved. Terms of use and Privacy Policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi